Provvigioni agenzia, chi le paga?

Benvenuti in Studio Aurora !

immagine blog
Provvigioni agenzia, chi le paga?

Per vendere o comprare casa, ed essere sicuro di non incorrere in errori, puoi affidarti a un’agenzia immobiliare che gestisca tutte le fasi della compravendita con un supporto professionale. Questo servizio, però, ovviamente ha un costo. Scopriamo allora come si calcola la provvigione di un agente immobiliare, come funziona la percentuale e chi paga l’agenzia in caso di vendita di un immobile.

Cos’è una provvigione di un’agenzia immobiliare?

La provvigione di un’agenzia immobiliare è il compenso una tantum che viene corrisposto per l’attività di intermediazione immobiliare messa in campo dal mediatore abilitato presso la Camera di Commercio, tale commissione viene riconosciuta nel momento in cui si dimostra di aver favorito la conclusione di una trattariva. Il tutto è normato dall’art. 1755 del codice civile e successive sentenze per i vari casi di specie.

Per mediazione immobiliare si intende tutta l’attività dell’agente immobiliare che va dalla preparazione della messa in vendita dell’immobile, compresa la pubblicazione dell’annuncio corredato da foto di qualità, video e tour virtuale non solo sui canali dell’agenzia ma anche sui marketplace immobiliari come idealista.

Altrettando fondamentale, poi, è la fase successiva che concerne gestione degli appuntamenti e delle visite all’immobile stesso e di tutti gli adempimenti tecnici e burocratici che devono essere effettuati in fase di verifica delle caratteristiche dell’immobile in occasione della vendita e fino alla fase di rogito.

Come si calcola la provvigione di un’agenzia immobiliare?

In realtà, non esistono delle tabelle vere e proprie per capire come si calcola la provvigione di un’agenzia immobiliare. Il compenso di un agente immobiliare varia da zona a zona ma, tendenzialmente, può oscillare tra il 3% e il 4% + Iva, ma nelle grandi città o in zone particolarmente richieste questa può anche superare il 5%, fino al 7 o addirittura al 10%.

Mentre le agenzie immobiliari online, generalmente, prevedono delle provvigioni fisse, senza quindi alcun tipo di percentuale sul prezzo finale della compravendita, che varia a seconda che si preferisca pagare l’importo in maniera anticipata o soltanto a trattativa conclusa.

Chi paga la commissione di un’agenzia immobiliare?

L’articolo 1755 del Codice Civile prevede che entrambe le parti della compravendita debbano pagare le provvigioni all’agente immobiliare, a meno che non siano stati presi accordi differenti che escludano uno dei due contraenti dal versamento della commissione nella quota di sua competenza.

Nello specifico, le provvigioni previste per il venditore e per l’acquirente sono diverse e si calcolano usando parametri differenti, ma se specificato a chiare lettere all’interno dell’accordo per il conferimento dell’incarico, è possibile stabilire a priori che una delle parti si faccia carico di entrambe le quote dovute per il lavoro di intermediazione che ha portato alla conclusione dell’affare.

In linea di massima, le provvigioni da pagare sia per la parte venditrice che acquirente sono comprese tra il 2 e 4% + Iva del prezzo di compravendita dell’immobile e comprendono anche il rimborso dei costi sostenuti dall’agenzia per tutte le attività strumentali poste in essere sino alla conclusione dell’affare e alla stipulazione del compromesso.

Quando viene pagata la commissione sulla vendita di una casa?

L’agenzia immobiliare matura il diritto alla provvigione quando si perfeziona l’accordo tra le parti, ovvero dopo l’accettazione della proposta di acquisto dell’immobile. Questo è il motivo per cui molte agenzie immobiliari in questa sede richiedono il compenso, avvalendosi del fatto che una proposta accettata è di fatto un preliminare. La commissione si può riconoscere anche per il 50% a proposta accettata e il restante 50% a rogito avvenuto, o totalmente dopo il rogito.

Come si calcola e chi paga la commissione di un agente immobiliare per l’affitto?

La provvigione da riconoscere a un’agenzia immobiliare per il suo lavoro di mediazione di solito oscilla tra l’importo di una mensilità e il 15% del canone annuo di locazione dell’immobile. La commissione essa deve essere corrisposta all’agenzia sia dal locatore che dal conduttore al momento del raggiungimento dell’accordo, scritto o verbale, salvo altri accordi tra le parti.

Si deve pagare l’Iva sulla commissione immobiliare?

L’Iva sulla provvigione dell’agenzia immobiliare nel 2022 è al 22%, in tutti quei casi in cui il mediatore operi in regime Iva. Sono esenti dall’aliquota Iva tutte le fatture per prestata intermediazione immobiliare emesse da mediatori in regime forfettario.

 

Fonte: idealista